COME ORGANIZZO LE MIE SPESE SU EXCEL

Come vi avevo accennato nel post “Con il bujo risparmiamo”, nel 2020 ho deciso di modificare la gestione delle mie spese. Infatti ho deciso di gestire tutto informaticamente.

No, non ho scaricato nessuna app per tenere sotto controllo le spese; ne ho provate tante ma le trovo limitanti. Semplicemente gestisco quasi tutti con dei semplici fogli di calcolo.

Ma facciamo un passo indietro.

Innanzitutto per gestire nel modo migliore le spese ho deciso di pagare tutto quello che è possibile in modo tracciato, che sia bancomat, prepagata, ecc. Questo perché ovviamente non dovrò stare attenta a segnare ogni spesa ma mi basterà entrare nell’estratto conto e sarà tutto segnato.

Ovviamente non è sempre possibile, e qui torna in gioco il bullet journal. Infatti le spese che faccio in contanti verranno segnate sul bujo nella pagine del giorno in cui è stata effettuata.

Passiamo ora all’informatica e alla gestione vera e propria.

Come stabilire l’importo da risparmiare e/o spendere mensilmente.

Per stabilire gli importi delle spese e dei risparmi mensili, ho creato una tabella come in foto per ipotizzare i costi sicuri di ogni mese come spese mediche, utenze, spese per auto e moto ecc.. Inserito queste ultime e le entrate, ho deciso quanto risparmiare ogni mese e quanto posso spendere per, diciamo, spese “non proprio utili ma necessarie per l’anima” (si questa potevo risparmiarmela).

tabella budget ipotetico

Nella foto ovviamente sono dati inventati, potete decidere se mettere ogni mese gli stessi importi per i risparmi e le spese varie o variarli in base alle uscite.

Come tener traccia delle effettive uscite ed entrate.

Come già detto prima, per tener traccia in modo efficace e sicuro ho deciso di pagare il più possibile con bancomat, prepagata o paypal. In questo modo a fine mese quando devo registrare le spese effettive, mi basterà entrare nell’area riservata della banca e potrò avere tutto segnato.

Ovviamente può capitare che alcune cose non sia possibile pagarle con metodi tracciati e/o gli importi siano veramente bassi per cui si usano direttamente i contanti. In questi casi bisogna impegnarsi a scrivere sull’agenda l’importo e la spesa effettuata in modo tale che a fine mese ci sia comunque “una traccia”.

tabella budget reale

A fine mese quindi, o meglio ancora, qualche giorno dopo che è finito il mese apro nuovamente il mio file excel ma questa volta uso la tabella “reale”. La tabella infatti riporta le stesse voci di quella utilizzata in precedenza ma, vado a inserire solo gli effettivi costi e ricavi.

Per esperienza tendo sempre a sopravvalutare i costi, cosi da non trovarsi brutte sorprese quando si inseriscono i dati reali.

Questo è il mio metodo, da brava fanatica di excel non potevo non sfruttarlo. Spero vi possa essere utile in qualche modo. Se volete posso inviarvi gratuitamente la base delle tabelle, basta chiedere!

A presto, Miriam.